Nella Tomba 3 si evidenzia una sepoltura multipla con almeno dieci individui, avvenuta in tempi diversi; si trattava, forse, della tomba di una famiglia di Roccapelago. Numerosi sono i reperti venuti alla luce in questa sepoltura che ne hanno permesso la datazione all’età rinascimentale.

ZONA C Tomba 3 Fondo Tomba n 3 ZONA C Tomba 3 n 1

REPERTI

Sono stati trovati lacci in stoffa utilizzati per legare gli arti dell’inumato, in modo tale che, nonostante le successive deposizioni, i resti del corpo rimasero dignitosamente composti. Rilevante è un anello in lega metallica di stile architettonico, la cui iconografia è chiaramente associabile al pieno XVI secolo. Vi sono anche bottoni facenti parte del semplice abbigliamento funerario degli inumati, in particolar modo delle camicie. Un crocefisso rappresenta una attestazione di oggetti devozionali inseriti nel corredo funerario del defunto, come una corona da rosario della quale sono stati ritrovati la maggior parte dei grani, oppure una medaglietta, le cui scritte si presentano illeggibili.

ZONA C Tomba 3 Reperto n 1
ZONA C Tomba 3 Reperto n 2
ZONA C Tomba 3 Reperto n 3
ZONA C Tomba 3 Reperto n 4 ZONA C Tomba 3 Reperto n 5 ZONA C Tomba 3 Reperto n 6