La Public History a Ravenna

La Public History a Ravenna

1. Che cos’è la Public History

La Public History è un modo di fare storia attivo e partecipativo. Comprende tutte quelle attività, accademiche e di divulgazione di massa, che si interessano del recupero della memoria storica. Ideate per il pubblico e con il pubblico.

Esempi di Public History sono le attività, svolte da Musei, Biblioteche, eruditi, appassionati locali, ecc. Promosse da enti pubblici, privati, associazioni e cooperative culturali. Vanno dalla forma tradizionale dello studio del volume fino alle rievocazioni storiche, al re-enactment, alle battaglie in scala, ecc.

2 – Qual è la portata della disciplina in Italia?

Le attività di Public History hanno una forte diffusione in Italia. Molte sono le figure professionali che se ne occupano, ma senza ricevere il giusto valore e l’adeguato riconoscimento.

Il 21 giugno 2016 si è svolta a Roma, presso la sede della Giunta Centrale per gli  Studi Storici, la riunione costitutiva della nuova Associazione Italiana di Public History.

Erano presenti come soci fondatori 18 istituti e società scientifiche, fra cui tutte quelle più rilevanti nella varie aree disciplinari della storia, degli archivi, delle biblioteche. Nella prima riunione l’AIPH ha deliberato di tenere, dal 5 al 9 giugno 2017, il I° congresso nazionale di Public History a Ravenna. In contemporanea e in parallelo con la IV° conferenza internazionale di Public History. Per l’evento si incontreranno oltre 500 studiosi universitari e operatori culturali, circa la metà dei quali stranieri.

3. Cosa significa per la città di Ravenna ospitare un evento di tale portata?

Per una settimana la città di Ravenna diventerà la capitale della Public History in Italia. Potrebbe diventare il punto di riferimento nazionale per attività di Public History che si svilupperanno in Italia.

Il convegno della Public History è aperto a cultori e appassionati. Fra il 5 e il 9 giugno in città si svolgeranno una serie di eventi ludici: Proiezioni di filmati, cene “storiche” a tema, spettacoli teatrali, incontri collaterali di riviste di storia e gite per visitare la città e i dintorni. Una vera e propria “festa”. La festa della Public History a Ravenna.

4. I numeri della Public History

Sono programmati oltre 90 panel, con un numero complessivo di 191 relazioni e 25 poster per la Conferenza internazionale, e 174 relatori e 32 poster  per la conferenza italiana. Il numero dei relatori complessivi supera largamente i 500.

5.  Sarà “solo” una conferenza?

No. Sono previsti una serie di eventi collaterali, presso istituti della città. Un incontro fra le riviste universitarie di storia, che si terrà presso la Biblioteca Oriani, e un incontro delle riviste di grande divulgazione storica, che si terrà presso la Domus dei Tappeti di Pietra e con la collaborazione di RavennAntica.

Sono anche previste le tradizionali visite ai grandi monumenti Unesco e una serie di occasioni particolari per conoscere la Ravenna più contemporanea e meno nota.

È previsto infine per la sera del 6 giugno un intervento di Rai Storia, con proiezioni e presentazione di programmi e attività, e vi sarà una copertura di Rai Storia a tutto il convegno.

Condividi
  •  
  •  

Marco Orlandi

Related Posts

Serious Games: il videogioco al servizio della cultura

Serious Games: il videogioco al servizio della cultura

Natale di Roma

Natale di Roma

Agenda 2030 e la Terza Missione

Agenda 2030 e la Terza Missione

L’importanza dello storytelling nella comunicazione museale

L’importanza dello storytelling nella comunicazione museale

No Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tags

Archives

Frame Blog raccoglie e promuove interventi, notizie, teorie, eventi e buone pratiche nell’ambito della comunicazione del Patrimonio Culturale.

Archivio

Tags