Donne straordinarie

Donne straordinarie

Di donne straordinarie nella storia del sapere italiano ce ne sono state tante. Un esempio è Elena Lucrezia Cornaro Piscopia.

Oggi vogliamo andare indietro nel tempo e farvi conoscere le studiose che hanno fatto la storia dell’UniBo. Tutti sanno che l’Università di Bologna è la più antica del mondo occidentale. Non molti sono al corrente, però, che alle donne era permesso frequentarne le lezioni fin dal 1088 d.C.. Infatti, in una società in cui l’istruzione era riservata agli uomini, al suo interno sono state plasmate alcune tra le più grandi menti femminili nel mondo.

Ma chi sono queste donne straordinarie che hanno fatto la storia dell’ateneo? 

Ora ve le presentiamo.

Nei tempi antichi

Tra le donne straordinarie c'è Bettisia Gozzadini

Il primo nome è quello di Bettisia Gozzadini. Nacque a Bologna nel 1209 da una famiglia nobile. Fin da ragazza si dimostrò brava negli studi. Nel 1236 si laureò con il massimo dei voti in giurisprudenza. Per questo, l’università le offrì una cattedra come docente. Si dice che dovesse tenere le sue lezioni all’aperto per la grande affluenza.

Tra le donne straordinarie c'è Dorotea Bucca

Dorotea Bucca è la seconda studiosa che ricordiamo. Di lei ci parla anche Giovanni Boccaccio nella sua opera “Delle Donne Illustri”. Nacque a Bologna nel 1360. Studiò fin da bambina lettere, medicina e filosofia, di cui conseguì la laurea. Nel 1390, l’Università di Bologna le chiese di sostituire il padre e di prenderne la cattedra. Insegnò poi per cinquantanni.

In tempi più recenti

Tra le donne straordinarie c'è Laura Bassi

Più avanti nel tempo troviamo Laura Bassi. Anche lei come le sue colleghe nacque a Bologna ma nel 1711. Nel 1732, grazie alla sua intelligenza, entrò all’Accademia delle Scienze. Prese la laurea in filosofia e ottenne poi la cattedra. In seguito, nel 1776 diventò docente presso l’istituto delle scienze.

Tra le donne straordinarie c'è Maria Gaetana Agnesi

Infine parliamo di Maria Gaetana Agnesi. Tuttora è ricordata come una delle più grandi matematiche di tutti i tempi. Nacque a Bologna nel 1718 da una ricca famiglia. Venne incoraggiata fin da subito allo studio delle lingue e, più avanti, alla matematica e alla filosofia. Decise poi di continuare con l’algebra e la geometria. Nel 1750 prese il posto del padre. Insegnò matematica all’Università di Bologna e, due anni dopo, si ritirò a vita privata.

Condividi
  •  
  •  

Federica Collina

Related Posts

Utilizzo della strumentazione professionale: i ragazzi in campo

Utilizzo della strumentazione professionale: i ragazzi in campo

Un progetto di alternanza scuola-lavoro fuori dal comune

Un progetto di alternanza scuola-lavoro fuori dal comune

Elena Lucrezia Corner Piscopia: la prima donna laureata della storia

Elena Lucrezia Corner Piscopia: la prima donna laureata della storia

L’insegnamento della Public History nelle Università italiane

L’insegnamento della Public History nelle Università italiane

No Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tags

Archives

Frame Blog raccoglie e promuove interventi, notizie, teorie, eventi e buone pratiche nell’ambito della comunicazione del Patrimonio Culturale.

Archivio

Tags