Il progetto

Lo Studiolo di Gubbio, realizzato tra il 1478 e il 1482, era originariamente costituito da una serie di pannelli intarsiati e da dipinti, già trasferiti altrove nel 1673. Le pareti lignee, smontate e vendute nel 1874, furono acquisite nel 1939 dal Metropolitan Museum di New York, mentre nel Palazzo Ducale, grazie a un finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nel 2009 è stata realizzata dagli ebanisti della Famiglia Minelli una replica che permette di apprezzare la ricchezza tematica dell’originale.

Questo progetto risponde quindi all’esigenza di riunire idealmente il luogo e gli arredi al quale erano destinati e di valorizzare tramite oculate strategie di digital storytelling, questo ambiente di straordinario pregio e interesse culturale, rendendone accessibili i contenuti grazie a un nuovo percorso multimediale nelle sale di Palazzo Ducale, scandito da una videonarrazione e da un virtual tour interattivo.

La videonarrazione, collocata all’interno della replica dello Studiolo, introduce il visitatore alla complessa vicenda storica dell’ambiente, dalla sua realizzazione alla spoliazione, fino ai giorni nostri.

Il virtual tour, collocato nella sala didattica, permette al visitatore di esplorare in dettagli le immagini digitali ad alta risoluzione delle tarsie originali, acquisite grazie a una campagna fotografica realizzata al Metropolitan Museum di New York espressamente per questo progetto.

La presenza di numerosi hotspot consente inoltre di accedere a contenuti audiovisivi di approfondimento sul complesso programma iconografico dello Studiolo, con particolare attenzione ai contenuti sonori impliciti nelle numerose tarsie musicali.

Grazie alle esecuzioni effettuate dall’Ensemble Micrologus espressamente per questo progetto, è infatti possibile ascoltare brevi stralci di brani vocali e strumentali dell’età federiciana, registrati utilizzando strumenti ispirati a quelli intarsiati.

Il percorso multimediale è stato inaugurato il 7 giugno 2019, anniversario della nascita di Federico da Montefeltro, nelle sale del Palazzo Ducale di Gubbio.