Mercoledì 31: una giornata di Nightmare School

Mercoledì 31: una giornata di Nightmare School

La giornata di mercoledì 31 ottobre si aprirà alle 9:30 al Palazzo del Cinema e dei Congressi con la sezione Nightmare School, che propone momenti di analisi e incontri formativi pensati appositamente per gli studenti di ogni ordine e grado di Ravenna. A quest’ora infatti ci sarà “Il supervisore degli effetti visivi” | Nightmare Junior, un focus sui mestieri del cinema riservato alle scuole secondarie di primo grado: Giuseppe Squillaci, supervisore agli effetti visivi, regista e produttore, terrà un incontro/lezione sulla storia degli effetti speciali e gli effetti visivi raccontando il suo lavoro.

mercoledì 31

La sezione Nightmare School prosegue alle 14:30 con un altro incontro formativo proposto dal Festival: “Le emozioni tra cinema, filosofia e neuroscienze” | Master Class, questa volta rivolto ai ragazzi della scuola secondaria di secondo grado. È un incontro a cura delle docenti Emanuela Serri e Rossella Giovannini con interventi del neuroscienziato Enrico Ghidoni. A seguire, la visione del film Tre Manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh.

Il Ravenna Nightmare Film Festival continua alle 20:00 con l’ultimo appuntamento della sezione Nightmare d’Essai. Tito e gli alieni di Paola Randi verrà introdotto da Domenico Dinoia, il presidente della FICE (Federazione Italiana del Cinema d’Essai).

mercoledì 31

La giornata si concluderà alle 22:00 con Perfect Skin di Kevin Chicken, appartenente al Concorso Internazionale Lungometraggi. Il film è ambientato nel mondo dei tatuaggi e della body modification in una Londra scintillante; racconta la storia di Katia e il suo incontro con un tatuatore apparentemente innocuo con una narrazione dark ed eccitante di ambizione e passione insoddisfatta che scivola nell’ossessione. La serata del Nightmare si concluderà dopo la visione del lungometraggio con un Q&A con il regista Kevin Chicken, che sarà presente in sala per rispondere alle nostre domande e a quelle del pubblico.

 

Leggi anche: La mia vita da Zucchina – rompere i tabù dell’infanzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *